TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
La rivista del demanio e patrimonio
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
ANNO X   
ISSN 2035-6544
 
CHI SIAMO REGISTRAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI   direttore giuridico: dott. Raffaello Gisondi, direttore tecnico: ing. Antonio Iovine  
CERCA Ricerca
 
 
italia
Rimuovi evidenza regionale su Trentino Alto Adige Evidenza: Trentino Alto Adige  
Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Sardegna Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia








































NON BASTA LA VOLONTÀ DEL PROPRIETARIO PER RENDERE PERTINENZIALE UN'OPERA EDILIZIA

Per l’insorgere del nesso di pertinenzialità, la volontà del soggetto cui appartengono le cose di creare un vincolo di destinazione pertinenziale è necessaria, ma non sufficiente se poi tra le cose stesse (a prescindere dalla dimensioni) non sussiste oggettivamente un vincolo di strumentalità necessaria; non a caso l’atto di destinazione di una cosa a servizio di altra è ricompreso dalla migliore dottrina nella categoria degli atti in senso stretto nei quali la volontà del soggetto cui appartengono entrambe le cose rappresenta solo il presupposto per la produzione dell’effetto legislativamente predeterminato. Il rapporto pertinenziale non può ritenersi mutuato sic et simpliciter dall’intento di destinare la presunta pertinenza a servizio della res principale se, poi, tra le due cose, non sussiste in alcun modo ed oggettivamente un rapporto di dipendenza strumentale e funzionale.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 

DOSSIER
 
 
 
 
 
 
 



































Powered by Next.it