LA DECADENZA DEI VINCOLI

Si è detto che la “temporaneità” è un requisito indefettibile dei vincoli di natura espropriativa, la cui previsione deve essere accompagnata da un termine di durata massima, indicato dal menzionato art.9 del T.U. espropr. in cinque anni dalla loro imposizione, in tal modo eliminando qualsiasi collegamento con l’attuazione dei piani particolareggiati e/o con l’autorizzazione dei piani di lottizzazione invece stabilito dal precedente art.2 legge 1187/1968 (le leggi regionali possono prevedere periodi temporali diversi, purché “entro limiti non irragionevoli”).


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.