LA PROTRAZIONE DI FATTO DEL VINCOLO URBANISTICO

Il sistema descritto, delineato dalla Corte Costituzionale fin dagli anni 60’, ed in tutte le pronunce fondato su di un’alternativa non eludibile tra temporaneità del vincolo per conseguire il passaggio dell’area alla mano pubblica, ovvero la sua protrazione mediante previsione di indennizzo, non ha impedito alle p.a. di percorrere nella maggior parte dei casi una terza via consistita nel non impedirne, da un lato la decadenza.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.