LA FALSA DESCRIZIONE DEL PRIVATO DELLE CIRCOSTANZE A BASE DELL’ATTO ILLEGITTIMO FAVOREVOLE NON CONFIGURA PER LUI UN AFFIDAMENTO LEGITTIMO

La non veritiera prospettazione da parte del privato delle circostanze in fatto e in diritto poste a fondamento dell’atto illegittimo a lui favorevole non consente di configurare in capo a lui una posizione di affidamento legittimo, con la conseguenza per cui l’onere motivazionale gravante sull’amministrazione, in caso di annullamento in autotutela [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale
 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.