IL SILENZIO ASSENSO NON SI FORMA PER LE DOMANDE DI SANATORIA DOLOSAMENTE INFEDELI PER LA RILEVANZA DELLE OMISSIONI O DELLE INESATTEZZE RISCONTRATE

In omaggio al principio ‘fraus omnia corrumpit’, si esclude la formazione del silenzio assenso nelle ipotesi di domanda di sanatoria dolosamente infedele per la rilevanza delle omissioni o delle inesattezze in essa riscontrate. [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.