L’ISTANZA DI SANATORIA ORDINARIA NON COMPORTA LA RADICALE E DEFINITIVA INEFFICACIA DELL’ORDINE DI DEMOLIZIONE, MA LO PONE IN TEMPORANEA QUIESCENZA

La proposizione di un’istanza di sanatoria ordinaria non comporta la radicale e definitiva inefficacia dell’ordine di demolizione, ma fa conseguire all’atto uno stato di temporanea quiescenza fino alla definizione del procedimento, espressa o tacita, all'evidente fine di evitare, in caso di accoglimento dell'istanza, la demolizione di un’opera che, [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale
 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.