LE VARIANTI IMPROPRIE O ESSENZIALI SI CONFIGURANO COME NUOVI TITOLI EDILIZI SUSCETTIBILI DI AUTONOMA E SPECIFICA IMPUGNAZIONE GIURISDIZIONALE

Le varianti che prevedono la realizzazione di un quid novi, nonché caratteristiche funzionali e strutturali del fabbricato complessivamente diverse da quello precedente, vanno correttamente qualificate come varianti c.d. improprie o essenziali e si configurano come nuove concessioni, ossia come provvedimenti autonomamente lesivi, suscettibili di au [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.