NON VI È REITERAZIONE DEL VINCOLO QUANDO ESSO VENGA MUTATO

Non può essere considerata una reiterazione - a seguito di comportamento colpevolmente inerte dell'Amministrazione - di un vincolo già precedentemente imposto, l'imposizione di un vincolo diverso dal precedente su un terreno il cui proprietario abbia nel frattempo realizzato abusivamente un fabbricato (poi condonato), determinando in tal modo la m [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.