IL MANUFATTO CROLLATO IN CORSO LAVORI NON PUO’ ESSERE RICOSTRUITO SE LA RICOSTRUZIONE NON ERA PREVISTA DAL TITOLO

A fronte di un crollo non prevedibile, l'interessato deve sospendere i lavori e valutare, mediante formale richiesta al Comune, quale sia l’intervento edilizio, eventualmente, realizzabile in presenza dei lamentati fattori eccezionali che hanno determinato il crollo del manufatto; è invece illecito effettuare una ricostruzione non consentita dal pe [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.