SUSSUMIBILITA' DEL MUTAMENTO DI DESTINAZIONE D'USO NEL RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO: CONTRASTO DI GIURISPRUDENZA

Anche in seguito alla disciplina normativa successiva alle riforme del 2014 - 2017, l'interpretazione per cui il mutamento di destinazione d’uso potrebbe essere ricompreso - almeno in alcuni casi - nella definizione di restauro e risanamento conservativo (la quale comporterebbe un diverso regime sanzionatorio edilizio) non può essere recepita. [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale
 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.