SEQUESTRO PREVENTIVO PER REATI PAESAGGISTICI: VA DIMOSTRATO CHE L'EFFETTIVA DISPONIBILITÀ DEL BENE PUÒ ULTERIORMENTE DETERIORARE L'ECOSISTEMA

In tema di sequestro preventivo per reati paesaggistici, il presupposto del "periculum in mora" non può essere desunto solo dalla esistenza delle opere ultimate, ma è necessario dimostrare che l'effettiva disponibilità materiale o giuridica del bene, da parte del soggetto indagato o di terzi, possa ulteriormente deteriorare l'ecosistema protetto da [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.