UN MANUFATTO PUÒ ESSERE DEFINITO PRECARIO SULLA BASE DELLA SUA DESTINAZIONE D’USO E PRESCINDE DAI MATERIALI UTILIZZATI

La precarietà del manufatto, circostanza desumibile solo dalla destinazione d’uso, e non dal tipo di ancoraggio al suolo né dai materiali utilizzati, va valutata alla luce dell’obbiettiva ed intrinseca destinazione naturale dell’opera. [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale
 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.