L'ORDINE DI RIMOZIONE È ATTO VINCOLATO E NECESSITATO CHE NON RICHIEDE NESSUN’ALTRA MOTIVAZIONE SE NON L'ACCERTAMENTO DEL CARATTERE ABUSIVO DELL'OPERA

L'ordine di rimozione è atto vincolato e necessitato che non richiede nessun’altra motivazione se non l'accertamento del carattere abusivo dell'opera. Pertanto, l’Ente Parco non ha dovuto compiere alcuna particolare valutazione circa la concreta incidenza dell'intervento sull’assetto del territorio né una comparazione tra l’interesse del privato e [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.