LA VIOLAZIONE DEL DIVIETO DI SOPRAELEVARE STABILITO DA UNA N.T.A. NON AUTORIZZA LA RIDUZIONE IN PRISTINO MA SOLO L'AZIONE DI RISARCIMENTO DEL DANNO

Il divieto di sopraelevare in centro storico stabilito da una n.t.a. al p.r.g. è suscettibile di determinare l'illegittimità della costruzione sotto il profilo urbanistico ma, ove disatteso, non autorizza la riduzione in pristino, poichè, ai sensi dell'art. 872 c.c., comma 2, la violazione delle norme di edilizia e di ornato pubblico autorizzano es [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.