L’OBBLIGO DI MOTIVAZIONE NELLA FORMULAZIONE DEL P.R.G. NON MUTA PER EFFETTO DELLA SOLA PRESENTAZIONE DELLE OSSERVAZIONI AD ESSO DA PARTE DEI PRIVATI

L’obbligo di motivazione nella formulazione del piano regolatore generale non viene rafforzato, imposto o mutato in base alla sola presentazione delle osservazioni ad esso da parte dei privati. Queste, infatti, sono semplici apporti collaborativi dati dai cittadini alla formazione dello strumento urbanistico ed il loro rigetto non richiede una spec [...]


Iscriviti alla nostra newsletter editoriale
 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.


Copyright© Exeo Edizioni: consentita la riproduzione solo in virgolettato con citazione della fonte e link