LE PROVE DELLA COLLOCAZIONE DEI MANUFATTI SI RINVENGONO NEI RUDERI, FONDAMENTA, AEROFOTOGRAMMETRIE, MAPPE CATASTALI; LA PROVA TESTIMONIALE È RESIDUALE

Nelle controversie in materia edilizia, soggette alla giurisdizione del giudice amministrativo, i principi di prova oggettivi concernenti la collocazione dei manufatti tanto nello spazio, quanto nel tempo, si rinvengono nei ruderi, fondamenta, aerofotogrammetrie, mappe catastali, laddove la prova per testimoni è del tutto residuale; data la premess [...]

Iscriviti alla nostra newsletter editoriale

 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.